Link all’articolo precedente: https://www.artovercovers.com/2024/01/19/luciferine-vignette-infiammano-liced-earth-spawn/

Originario di Schenectady, nello Stato di New York, dove è nato nel 1962, anche lui come McFarlane è un tipo precoce e determinato. Il primo lavoro a fumetti di Capullo fu “Gore Shriek”, un fumetto horror specificamente etichettato vietato ai bambini, a causa delle immagini violente che conteneva, di cui si fece carico della pubblicazione un negozio indipendente di fumetti, Fantaco Enterprises, che aveva sede ad Albany, a qualche chilometro dalla sua abitazione.

Qualcuno in Marvel notò questa serie, che ebbe un discreto successo, e lo assunse per lavorare su Quasar, X-Force e What If? dove si impegnò per circa tre anni, per poi collaborare con altre etichette su altri progetti. Todd McFarlane, già co-fondatore di Image Comics, avendo notato a sua volta il lavoro di Capullo su X-Force, lo chiamò in forze nella nuova etichetta come disegnatore del fumetto Spawn, a partire dal numero 16, diventando poi titolare con il numero 26.

Presta la matita a Spawn ininterrottamente dal 1993 al 2000, poi riprende per il periodo 2003-2004, dedicandosi nel frattempo anche ad altri progetti, come ad esempio “The Haunt”, sempre per la Image Comics, in collaborazione con McFarlane.
Le illustrazioni di Spawn continuano comunque fino al 2010. Notare come il tempo abbia impreziosito il tratto di Greg Capullo, tanto che McFarlane ha dichiarato che la migliore interpretazione del suo personaggio, anche migliore della sua, l’ha realizzata proprio il suo talentuoso collaboratore. Nel 2011 segue la chiamata di DC Comics, per lavorare sul personaggio che più ama da quando è bambino: Batman. In collaborazione con Scott Snyder, scrittore, rilanciano la figura dell’eroe di Gotham attraverso la serie “The New 52”, che per cinque anni, fino ad aprile 2016, riceve plausi da critica e pubblico. Il loro impegno termina con il n° 51 della serie. Nel frattempo l’influenza di McFarlane si è fatta sentire e la si può apprezzare qua e là nelle illustrazioni che travate sotto.

McFarlane e Capullo sono molto in sintonia sulla rappresentazione di Batman, che entrambi amano, ma anche sulla figura di Spawn. Le similitudini tra i due antieroi sono molte e le possiamo apprezzare rappresentate nell’ultima immagine, una sorta di comparazione realizzata a quattro mani dagli storici collaboratori:

…to be continued…
Fabio Vannucci