Link all’articolo precedente: https://www.artovercovers.com/2022/12/27/canto-di-natale-versione-2-0-zemeckis-e-la-cgi-di-a-christmas-carol/

Vi siete mai chiesti quale sia stata la vera genesi del racconto “Canto di Natale”? Quali emozioni e quale iter abbia dovuto intraprendere il grande Dickens per elaborare un così grande capolavoro letterario? Per lo scrittore il successo ottenuto da questa bellissima storia fu veramente sudato e agognato. Dopo “Oliver Twist” arriva inaspettatamente un periodo di stallo inventivo e le successive tre opere non decolleranno come avrebbe sperato. “Dickens, l’uomo che inventò il Natale” è il lungometraggio diretto da Bharat Nalluri che fa partire la storia proprio da questo momento critico. Charles, messo alle strette dai suoi editori e dai suoi creditori dovrà elaborare velocemente un’idea vincente per poter estinguere dignitosamente i suoi debiti e le sue promesse. Questo film fa vivere in prima persona le grandi emozioni dell’autore svelando anche la nascita di tutti i personaggi (e soprattutto degli spiriti) del suo racconto, la cui composizione è stata totalmente attinta dalla realtà.
Una pellicola fedelmente biografica e avvincente che dimostra gli aspetti più personali e sentimentali di questo genio intramontabile della letteratura. Nel background della sua cerchia familiare e della Londra vittoriana si svilupperanno le introspezioni del proprio passato che in modo sublime coinvolgeranno lo spettatore. Charles Dickens reinventa un nuovo concetto di Natale fatto di amore e generosità, con la speranza e il lieto fine.
«Nessuno a questo mondo è inutile… se può alleviare il fardello di un altro uomo».
Buon anno a tutti i nostri lettori.

Articolo correlato:

Le tenebre, l’abisso, la redenzione, l’ignoto: “A Christmas Carol”