Link all’articolo precedente: https://www.artovercovers.com/2021/12/15/somewhere-in-time-disegnato-i-riferimenti-discografici-seconda-parte/

Acacia Avenue
Sono certo che nessuno si è sorpreso per questa rivelazione. Sì, la via principale di questa distopica città è Acacia Avenue, non poteva essere altrimenti. A due passi da Charlotte, che forse dalla finestra vede tutta la scena. Di nuovo entrambi nello stesso luogo, anche se con interessi e occupazioni diversi. Chissà se si rincontreranno mai… I riferimenti ovviamente sono gli stessi del punto precedente.

Poster
Sotto l’indicazione della via c’è un poster di Eddie del primo album, con la scritta “Eddie lives” aggiunta a mano. I poster strappati sono presenti anche nei singoli “Sanctuary” e “Women in Uniform”, quelli con il Primo Ministro Thatcher, per intenderci.

Mano
La posizione della mano del cyborg morente viene mutuata, per scherzo, come raccontato da Riggs, dalla pellicola “Il mostro della Laguna Nera”, diretta da Jack Arnold nel 1954 in b/n e formato stereoscopico. Nel film, una spedizione di scienziati viene attaccata da un antico mostro delle acque. Tutte le vittime, morendo, rimangono con la mano in quella posizione. Riggs, divertito dalla cosa, ha voluto riproporre il cyborg esanime con la stessa postura. (fonte “Revelations: gli Iron Maiden dalle origini a Seventh Son” – Martin Popoff – Tsunami Edizioni) Da notare che la nella copertina del singolo “The Trooper” un soldato, colpito a morte, ha la mano alzata con le dita esattamente nella stessa posizione della mano bionica di “Somewhere in Time”.

Occhio di Horus
Occhio di Horus
. È un riferimento sia al contenuto del brano “Powerslave” tratto dall’omonimo album, sia ai simboli presenti in alto nella scena sul lato posteriore dell’album.

Websters
Appena sotto l’Occhio di Horus compare il nome Websters. L’omaggio è a Charlie Webster, direttore artistico presso EMI, successivamente fondatore e manager di Websters Estate Agents, società immobiliare.

Climbers
Attorno alla scritta appena esaminata si intravedono delle figure che si arrampicano su per il cornicione. Questa scena rimanda al video di “2 Minutes to Midnight”, dove si verifica una situazione simile.

…to be continued…
Fabio Vannucci