Anno d’uscita: 1986
Sito web:
http://www.johnlennon.com
Una delle rockstar più famose della storia come John Lennon ed un autore di opere iconiche come il padre della Pop Art Andy Warhol non potevano non incontrarsi. I due si frequentarono a New York negli anni Settanta; si erano conosciuti, ovviamente, grazie alla consorte di Lennon, Yoko Ono, artista d’avanguardia ben introdotta negli ambienti culturali e nel jet-set della Grande Mela. Dell’amicizia tra i tre ci restano una serie di istantanee e qualche sporadica testimonianza. Eredità di questa relazione è poi la copertina disegnata da Warhol di un disco postumo di John, “Menlove Ave.”, pubblicato nel 1986.
Si tratta di una raccolta di brani provenienti dalle sessioni di registrazione di tre album prodotti da Phil Spector: “Mind Games” (1973), “Walls and Bridges” (1974) e “Rock ‘n’ Roll” (1975). La compilation, nell’intento di Yoko, doveva  rendere omaggio alle sonorità amate da John quando era ragazzo e ascoltava Elvis Presley e il rock ‘n’ roll. A Liverpool, Menlove Avenue era la via dove John Lennon trascorse la sua infanzia nella casa di Mendips, al numero 251, con zio George e zia Mimi. Nella medesima strada, nel 1958, la madre di John, Julia, perse la vita investita da un’auto.

La Capitol Records affidò a Yoko Ono l’incarico di supervisionare l’artwork della copertina della compilation. Ono aveva commissionato ad Andy Warhol, con il quale era ancora in buoni rapporti, la realizzazione del disegno, partendo da una foto del marito appartenente alla sua collezione privata. Secondo un’altra versione dei fatti, meno accreditata, il pittore potrebbe aver dipinto il ritratto di John poco prima della morte di quest’ultimo nel 1980.
Si trattava, in ogni caso, di uno scatto del 1971, opera di Iain Macmillan, lo stesso fotografo che aveva realizzato la celeberrima foto dei Beatles ad Abbey Road l’8 agosto 1968 per l’omonimo album.
Macmillan aveva inoltre già lavorato per John e Yoko nel 1969, per la cover di “Live Peace in Toronto”, e per il singolo natalizio del “1971 Happy Xmas (War is Over)”.
A partire dallo scatto del fotografo britannico, Andy dipinse due ritratti che vennero poi utilizzati per il fronte e il retro della copertina, più un’altra versione in rosso. L’immagine di John ha una qualità molto intima, legata sicuramente all’amicizia che lo legava al pittore, il quale volle esprimere il proprio cordoglio e quello di tutti i fans che avevano pianto la prematura scomparsa del musicista sei anni prima.
Sulla front cover lo sfondo nero evoca il lutto, mentre il colore rossastro del volto di Lennon, parzialmente in ombra, unitamente alle sfumature gialle e rosse dei tratti della capigliatura, dà l’idea di un viso illuminato da una candela, come le innumerevoli candele accese dagli ammiratori di tutto il mondo alla straziante notizia della morte dell’ex Beatle, avvenuta per mano del folle Mark Davis Chapman.

Il retro ha delle tonalità leggermente diverse: lo sfondo è blu e il volto ha una tonalità più rosata: qui Warhol voleva alludere presumibilmente all’attività di John Lennon come pacifista, come suggerisce Paul Maréchal, collezionista delle opere a stampa di dell’artista di Pittsburgh e autore del volume “Andy Warhol- The Complete Commissioned Covers 1949-1987”.
Il disco non ebbe un grande riscontro di pubblico e, come altri album illustrati da Warhol, viene oggi ricordato e ha elevate quotazioni nel mercato dell’usato (il vinile è da tempo fuori catalogo) per la sua copertina, più che per il contenuto. Ricordiamo, infine, che Warhol aveva già realizzato un ritratto di Lennon, insieme agli altri tre Beatles, partendo da una foto del 1960 di Dezo Hoffmann, per la copertina di un libro sui Fab Four pubblicato nel 1980.
Maria Macchia