Zimon è il nome d’arte di Simone: giovane bassista originario del Friuli Venezia Giulia appassionato anche di arti grafiche. Nel 2006 decide di aprire il New Breed Graphic Studio, lavorando come art director freelance per la realizzazione di copertine di cd, booklet, flyer, realizzazioni loghi, teaser e semplici lyric video. Con questa intervista ci racconta come sia nata questa sua seconda passione e di come vengono elaborate le importanti immagini che rappresentano i dischi di band e artisti, unendo musica e design.

Ciao Simone, benvenuto su Art Over Covers! Siamo curiosi di sapere quando è nata questa tua passione per l’arte figurativa…
Ciao e grazie per lo spazio che mi date, ho iniziato ad avvicinarmi a questo mondo circa quindici anni fa, iniziando a lavorare per la mia prima band, gli Scarecrown, per poi collaborare anche con altre band, sia italiane che internazionali.
Hai partecipato al Persistance Tour 2017 (classificandoti tra i primi 3 su oltre 100 partecipanti), vuoi raccontarci qualcosa su questa esperienza?
È stata una bella esperienza, non è l’unico contest a cui ho partecipato, mi piace mettermi in gioco, soprattutto nell’ambito musicale. Il contest si sviluppava in due fasi, nella prima il management che organizza il tour ha scelto le migliori tre grafiche, e poi è partita la seconda fase e il design che raccoglieva il maggior numero di like su facebook, veniva scelto come nuovo merch ufficiale del Tour. Il fatto di esser passato alla seconda fase, e anche se non ho vinto è stata comunque una bella soddisfazione, soprattutto per il grado internazionale del contest.
Quant’è importante secondo te l’immagine per la musica?
L’immagine nella musica per me è molto importante, sia dal punto di vista grafico che della band come persone, soprattutto in fase live, le due cose per me devono andare di pari passo.

Quando ti commissionano un artwork da cosa ti lasci ispirare? Hai una sorta di procedura che segui per iniziare il tuo lavoro?
Premetto che preferisco lavorare da solo, nella fase iniziale del creare le varie bozze dei lavori, ma prima di iniziare, chiedo alla band se ha delle idee di partenza o delle bozze su cui partire, e che stile vogliono come copertina o booklet, a volte lavoro anche ascoltando la musica della band. Devo dire che spesso mi è capitato di avere carta bianca, e partire senza nessuna idea, creare la copertina o un logo, ed arrivare ad un risultato finale che era proprio la cosa che voleva il richiedente.
Trovi tanto diverso realizzare la copertina per una tua band in confronto a gruppi che non conosci?
Il processo è lo stesso, e cerco sempre di dare il massimo in quello che faccio, forse lavorare per altri c’è un ostacolo in più, che è quello di fare contente tutte e due le parti, il cliente ed io come grafico, non ho mai fatto uscire un lavoro a cui io non ero convinto al 100% del risultato finale.

In correlazione al tipo di grafica che ti viene commissionata, ci sono generi musicali che rispecchiano di più la tua creatività rispetto ad altri?
Io vengo dal mondo della musica Metal in generale ed in tutte le sue sfumature, mi sento più a mio agio a lavorare in questo ambito, anche se non mi da problemi allargarmi in altri ambiti, ho fatto anche copertine per libri e kindle, e anni fa anche la grafica per un giovane rapper Friulano.
C’è una copertina che hai realizzato che ha richiesto più impegno e tempo?
Sì, è stato verso la fine dell’anno scorso, dal 2013 circa collaboro con i Grenouer, una band di San Pietroburgo, e ho curato le grafiche per “Ambition 999” il loro ultimo album; il lavoro è durato circa un mese, un tempo relativamente corto, ma è stato un periodo veramente intenso, a parte la distanza per la comunicazione, che però devo dire che non è mai stato un grosso problema, siamo dovuti partire dalla cover che l’etichetta discografica, senza interpellare la band, si era presa la libertà di scegliere e comprare da un altro artista, da qui io ed Andrey, il cantante, abbiamo iniziato a scambiarci idee, bozze varie, a volte stravolgente il lavoro fatto il giorno prima, e alla fine siamo arrivati ad un risultato ottimo e soddisfacente per tutti e due, ed avere il booklet in linea con lo stile e l’idea della cover.

Ho osservato la copertina di “Lustration” dei The Lust (con la quale collabori anche musicalmente) e l’ho trovata molto simile a quella di “Love” dei The Cult, ti ritrovi con questa associazione? È stata intenzionale e voluta dalla band?
Sono sincero, non ricordavo questa copertina, comunque questo lavoro è uno dei pochi dove ho seguito principalmente l’idea della band, io ho solo messo assieme i pezzi del puzzle, però a pensarci bene potrebbe essere un tributo grafico ai The Cult, essendo “Lustration” un album di solo canzoni cover.
Mi è piaciuta moltissimo la copertina di “Behind” degli Aiside. La fotografia della montagna è una tua opera? Dove si trova la catena montuosa?
Mi fa piacere che ti sia piaciuta la copertina, quelle montagne non esistono realmente, nel senso, sono partito da una mia foto che ho fatto in Trentino, per poi mixarla con altre foto stock, se vedi alcune parti sono quasi ripetitive, ho voluto creare qualcosa di surreale, come è il mio stile.
Ti è mai capitato di acquistare un disco solo per l’immagine della cover? Se sì quale?
Sinceramente no, anche se, dopo la musica, le grafiche del booklet è la cosa principale che vado a controllare.

Il tuo colore preferito e perché
Forse il verde in tutte le sue sfumature

Quali sono secondo te le copertine di dischi migliori?
Così su due piedi potrei dirti: “Demanufacture” dei Fear Factory, “Arise” dei Sepultura, “Night is the New Day” day dei Katatonia
I tuoi artisti preferiti o fotografi.
Mi piacciono vari artisti, ognuno ha il proprio stile, ma credo che Travis Smith sia il mio preferito, geniale nelle sue idee, anche quando sono semplici e minimali.
Dove ti si può contattare nel caso che una band volesse realizzare il proprio booklet?
Mi trovate sulla mia pagina New Breed Studio: http://www.facebook.com/NewBreedGraphicStudio
Oppure direttamente sul mio profilo: facebook https://www.facebook.com/simone.zimon

Libertà di espressione, dicci pure qualcosa che hai voglia di comunicarci!
Passate a dare un occhio ai miei lavori, e se vi va, seguitemi anche dal punto musicale nel mio profilo, fra poco ci saranno news in merito al mio nuovo gruppo:
https://www.facebook.com/zimonbassplayer
E nei profili delle band con cui collaboro:
https://www.facebook.com/GOOTPROJECT
https://www.facebook.com/THE-LUST-114814615203198
https://www.facebook.com/grenouer