Anno d’uscita: 1976
Sito web: https://it.wikipedia.org/wiki/Cochi_e_Renato
Sono stati citati con un grande tributo nell’ultimo Sanremo da parte de Lo Stato Sociale con la interpretazione di “La vita l’è bela” e, caso volesse che curiosando qua e là nella collezioni di 45 giri appartenuta ai miei zii mi imbattessi proprio in un nuova “miticità”. Impossibile non dedicare un articolo a Cochi e Renato con il loro mini disco intitolato “Sturmtruppen”, contenente l’altra traccia intitolata “L’Inquilino”.

“Sturmtruppen” è la title-track del film diretto proprio dal duo milanese uscito nel 1976, che riprende le scimmiottesche vicende di soldati della Wehrmacht che si trovano in situazioni surreali e non-sense. Il lungometraggio è la rivisitazione del famosissimo fumetto disegnato da Bonvi (nome d’arte di Franco Bonvicini) che rappresenta in chiave satirica e comica la vita militare dei nazisti.
I due cantanti quindi, si sono fatti appositamente ritrarre per la copertina dell’omonimo disco in perfetta uniforme, belli impettiti, come se avessero dovuto scattare una istantanea precisa e rigorosa per meglio sottolineare la disciplina del loro dovere. La foto in questione è stata immortalata proprio durante le riprese della pellicola. Ognuno di loro ha una nuvoletta fumettosa che cita il titolo della canzone presente nel vinile, riprendendo così lo stile dei fotoromanzi che tanto andavano in voga negli anni ’60 e ’70.

Suona indubbiamente insolito e paradossale vedere Cochi e Renato vestiti in questo modo, ma ciò sta ulteriormente a sottolineare l’ironia e la voglia di sdrammatizzare in chiave cinematografica un evento difficile e cruento che ha segnato la storia moderna. E loro lo sanno benissimo: satira e umorismo sono sicuramente le migliori difese contro la tristezza, da utilizzare sempre con buon senso e rispetto senza mai cadere nel volgare. È per questo che nel 2019 sono ancora tanto amati e ancora celebrati!
Sara “Shifter” Pellucchi