La copertina di un album ha un’importanza basilare nella espressione artistica di un musicista o di una band, perché, anche lei è una dimostrazione d’arte e rappresenta l’artista a livello figurativo. Per questo motivo ho voluto aprire un blog dedicato esclusivamente a loro. La cover di un disco è inevitabilmente una presentazione, sia dell’album che del musicista, che nasce dalla scelta di potersi esprimere musicalmente ed esteticamente. Esse non sono mai scelte a caso, anzi, la loro creazione a volte può essere un arduo compito, poichè, che piaccia o meno, la copertina suscita una impressione e conseguentemente anche una critica. Alcune sono vere e proprie opere d’arte di artisti e fotografi appositamente scelti e possiedono un enorme valore, altre invece possono risultare orribili e banali; in ogni caso l’effetto è sempre quello desiderato: suscitare delle emozioni. La musica è sempre più rappresentata visivamente, basti guardare i video, veri e propri cortometraggi, e anche le copertine non devono passare inosservate; anch’esse necessitano di far parlare di sè. Vi è mai capitato di trovarvi in un negozio di dischi e di venire colpiti osservando una copertina in particolare, di essere quasi tentati di acquistare il disco anche se non l’avete ancora ascoltato? A molti di sicuro sarà successo, e forse a volte è anche grazie alla propria copertina che un disco suscita l’interesse di essere ascoltato, anche solo per curiosità. Art Over Covers nasce a Giugno 2014. Ogni dieci giorni verranno pubblicate da parte mia, con la preziosa collaborazione degli amici Antonella Astori e Leonardo Marzorati, le copertine più varie; accompagnate da una piccola presentazione tratta dalle informazioni e curiosità prese dal mondo del web, con una propria interpretazione personale. Da Gennaio 2016 è stata introdotta la nuova sezione Band Names che parla del significato dei nomi delle band famose ed emergenti e, dal mese di Ottobre 2016, è stata inserita la sezione Speciali che tratta in modo più approfondito di artisti e art director. A Dicembre 2016 invece abbiamo iniziato anche a recensire le locandine cinematografiche perchè anche loro il più delle volte trasmettono e riassumono degli aspetti nascosti nei film che rappresentano. Questo blog è il continuo della mia precedente collaborazione con la fanzine Alone Music, nella quale ho lavorato per sei anni. Un ringraziamento particolare va a Cristina Fumagalli e Pierluigi Marchetti per il loro supporto, ad Andrés Farìas per il nuovo layout del sito e assistenza tecnica e ad Antonella Astori per il nuovo logo e sfondo. Aspettiamo le vostre e-mail con i vostri suggerimenti! A tutti, buona lettura e buona visione.
Sara “Shifter” Pellucchi

***

Fonti di informazione
Copertine: Wikipedia inglese, internet, giornali, riviste e informazioni fornite dagli artisti e lettori stessi.
Band Names: Libro “Band Mania” allegato alla rivista Tutto nr. 12 Dicembre 1999, giornali, internet e informazioni fornite dagli artisti e lettori stessi.
Locandine: Wikipedia inglese, internet, giornali, riviste e informazioni tratte direttamente dai film e nostra volta interpretate.