Anno d’uscita: 2014
Sito web:
http://www.stanbush.com/
Stan Bush
nasce a Orlando, il 10 luglio 1953 ed è un cantante di musica Hard Rock. La sua carriera inizia nel 1983 quando esce il suo primo disco solista, un album che è un vero e proprio capolavoro! La copertina che vi vado a recensire è quella di “The Ultimate”, uscito nel 2014 con l’etichetta MelodicRock Records. Il suo stile è un rock di vera classe, con la presenza di melodie ben studiate e una ricercata raffinatezza. In questo album l’artista si è avvalso dell’aiuto del polistrumentista Holger Fath e di due amici di vecchia data, quali Lenny Macaluso e Curt Cuomo.

La copertina, realizzata da Nello Dell’Omo, rappresenta una ragazza che sembra quasi voler giocare maliziosamente con una tenda rossa, sembra aprire quasi un sipario, per poter far vedere a chi guarda cosa c’è oltre. E questo oltre è dato da un paesaggio che sembra rappresentare il Nevada, in gran parte desertico e semi arido. In mezzo, come a dividere due mondi, vi è come una finestra trasparente, che va a sfumare col pavimento; il suo significato sembra essere quasi spirituale, ovvero rappresenta l’ostacolo che c’è in qualcuno di noi per poter riuscire ad evadere e vivere avventure emozionanti. Ma questo ostacolo è davvero minimo, quasi inesistente. Forse è tutto nella nostra mente, in realtà non esiste e ci vuole molto poco per poter oltrepassare questa finestra invisibile, molto sottile. Bisogna uscire, non stare rinchiusi tra quattro pareti; apriamo quindi il sipario e diamo il via ad una nuova vita, a nuove ed entusiasmanti esperienze.

La strada si fonde poi in primo piano con un pavimento a scacchi bianco e nero, che rappresenta quindi il nostro piccolo rifugio. In primo piano viene rappresentata un’iguana, molto simile alle lucertole, ma più grossa e più lenta. Sembra essere la testa di un maschio, più triangolare, rispetto a quella delle femmine che risulta essere più rotonda. Per alcuni questo animale simboleggia la necessità di costruirsi un bozzolo di protezione (dato dal fatto che la sua pelle è resistente e spessa) o l’insensibilità di fronte a qualcosa o a qualcuno, “vivere” o “esistere” senza partecipazione emotiva. Ecco quindi che tutto combacia perfettamente e l’iguana rappresenta proprio questo tipo di persona, che preferisce stare tra le quattro mura, convinta di proteggersi dai pericoli esterni.

La donna invece identifica la forza di volontà, evidenziata ancora di più dal colore rosso della tenda, colore di forza e sicurezza, della fiducia nelle proprie capacità -non a caso il rosso è stato abbinato a Marte, il dio della guerra- ed è un elemento che assolutamente si vuol far notare, quindi c’è sempre e comunque questa voglia di agire, di voler uscire allo scoperto. Bisogna solo trovare la forza di oltrepassare la finestra. E allora l’iguana si girerà verso il paesaggio, uscirà dalla propria stanza e vivrà finalmente nuove ed emozionanti avventure!
Antonella Aeglos Astori